Agosto 12, 2022

Contagi in ripresa: Friuli-Venezia Giulia, Veneto, Umbria ed Emilia-Romagna le regioni più a rischio

Mortalità

Nell’ultima settimana, la mortalità grezza apparente, a livello nazionale, è pari a 0,36 in leggero calo rispetto ai dati del 18/10 (0,39 x 1.000). Il dato più elevato si registra in Friuli-Venezia Giulia al 0,75 seguito da Sicilia al 0,70 e Lazio 0,59.

Indice di positività settimanale

L’indicatore differisce dall’indice di positività calcolato su base giornaliera, che valuta invece, il rapporto tra i nuovi casi positivi ed i nuovi tamponi effettuati, e comprende anche i tamponi effettuati per il monitoraggio del decorso clinico e l’eventuale attestazione della risoluzione dell’infezione. In particolare, l’indice registra un valore massimo dell’14,96% in Veneto e del 13,85% in Emilia-Romagna. In Italia l’indice di positività al test è pari al 6,30%: risulta positivo, dunque, circa 1 paziente su 16 nuovi soggetti testati, in aumento rispetto alla settimana precedente.

Tamponi molecolari e tamponi antigenici

La Regione associata a un numero maggiore di tamponi antigenici realizzati risulta essere la P.A di Bolzano (96,60 per 1.000 abitanti), mentre quella associata a un numero maggiore di tamponi molecolari realizzati risulta essere il Friuli-Venezia Giulia (19,25 per 1.000 abitanti).

A livello nazionale, il numero di nuovi tamponi molecolari settimanali è pari a 9,77 per 1.000 abitanti, mentre il numero di nuovi tamponi antigenici è pari a 37,81 per 1.000 abitanti.

Terapie intensive

Il valore medio registrato nel contesto italiano è pari a 0,27 x 100.000 ab. in aumento rispetto ai dati del 18/10 (pari a 0,24). Le regioni che hanno evidenziato più ingressi nel setting assistenziale della terapia intensiva durante l’ultima settimana sono l’Umbria (0,69 x 100.000 ab.), la PA Bolzano (0,56 x 100.000 ab.) e il Friuli-Venezia Giulia (0,50 x 100.000 ab.).

Leggi anche