Ottobre 22, 2021

Computer News | Trovare i contenuti desiderati

Notizie, commenti, articoli, reportage, foto e video da tutto il mondo scelti dalla redazione di Internazionale.

Gubbio, la discoteca Crico’s chiude dopo quarant’anni – Corriere dell’Umbria

2 min read
Gubbio, la discoteca Crico's chiude dopo quarant'anni – Corriere dell'Umbria

Euro Grilli 

14 ottobre 2021

Dopo quaranta anni il Crico’s ha detto stop. Il locale da ballo di Cipolleto ha chiuso i battenti. “La direzione del Crico’s ringrazia la gentile clientela che in questi anni ha frequentato il locale. Il Crico’s non riaprirà”: il messaggio postato su facebook spazza via ogni dubbio. “In base alle ultime disposizioni le discoteche e i locali da ballo in genere potranno riaprire al 50 per cento della capienza – dice Marco Vagnarelli, uno dei titolari – ma non è questo l’elemento che ci ha fatto prendere questa decisione sofferta, quanto tutta una serie di ragionamenti che hanno una loro fondatezza”. E aggiunge: “Ci abbiamo pensato bene, abbiamo valutato e ponderato e abbiamo deciso di chiuderla qui: non torneremo indietro”.

 

Che futuro avrà allora il Crico’s? “Mai più il ballo, ma abbiamo un’idea, che stiamo valutando. Un progetto ambizioso che riguarda sempre il mondo del divertimento: la famiglia Vagnarelli non starà con le mani in mano”. Fu Adolfo Vagnarelli, il nonno di Marco, 60 anni fa ad avviare l’attività basata sull’organizzazione di feste da ballo. Negli anni Ottanta arrivò la Lanterna blu, capostipite di una serie di locali come Life ed Energy, con tutte le varianti del nome, e infine il Crico’s. Sale che hanno visto ballare intere generazioni di eugubini e non, dove sono stati organizzati per decine di anni i vejoni dei ceraioli di Sant’Ubaldo, San Giorgio e Sant’Antonio, ma non solo. Il Crico’s ultimamente era diventato anche un punto di riferimento per gli amanti del liscio, un locale dove si sono esibite le più grandi orchestre da ballo italiane.

 

 

Marco, insieme al babbo Giuseppe e alla sorella Rosita sono sempre stati in prima linea continuando la tradizione di famiglia. Nel corso degli anni ci hanno suonato disk jockey di fama nazionale come Moiraghi, ma soprattutto Enzo Persueder che per tante stagioni è stata le vera e unica attrazione nel panorama del divertimento eugubino. “Siamo dispiaciuti – ha concluso Marco Vagnarelli – chiudere il Crico’s ci è costato molto in termini affettivi, ma il Covid ha cambiato il mondo e noi dobbiamo guardare avanti anche se con il cuore pieno d’amarezza”.