Ottobre 22, 2021

Computer News | Trovare i contenuti desiderati

Notizie, commenti, articoli, reportage, foto e video da tutto il mondo scelti dalla redazione di Internazionale.

Molnupiravir, come agisce il farmaco antivirale di Merck che dimezza i ricoveri per Covid

2 min read
Molnupiravir, come agisce il farmaco antivirale di Merck che dimezza i ricoveri per Covid

Gli aspetti da chiarire

Se questo farmaco verrà approvato, cambierà nettamente il panorama della terapia anti Covid, ma ci sono ancora aspetti che vanno chiariti, come il profilo degli effetti collaterali o il dosaggio in popolazioni diverse come i bambini e gli obesi.

Nel comunicato stampa sono state rese pubbliche solo informazioni limitate sugli effetti collaterali, ma le società hanno affermato che i tassi erano simili tra il gruppo placebo e il gruppo trattato. Un evento avverso, o un esito negativo, si è verificato nel 35% di coloro che hanno ricevuto molnupiravir e nel 40% di coloro che hanno ricevuto il placebo. Solo l’1,3% dei soggetti trattati con molnupiravir ha interrotto il farmaco a causa di un evento avverso, rispetto al 3,4% che ha interrotto il placebo.

L’accesso al farmaco

Prima di ottenere i risultati dello studio MOVe-OUT (condotto in oltre 170 centri nel mondo), Msd ha già iniziato la produzione di molnupiravir, con l’intento di arrivare a 10 milioni di dosi entro la fine del 2021.

Nei mesi precedenti all’odierno annuncio, Msd ha stipulato un accordo di procurement con il governo degli Stati Uniti; in base a tale accordo, Msd fornirà circa 1,7 milioni di dosi di molnupiravir al governo statunitense, una volta raggiunto un accordo per l’uso in emergenza o per l’approvazione del farmaco.Oltre all’accordo con il governo degli Stati Uniti, Msd sta stipulando accordi di acquisto e fornitura con altri governi a livello mondiale, sempre condizionati a un’autorizzazione regolatoria e discussioni sono in atto con molti altri governi.

Come parte integrante del suo impegno a garantire un accesso globale, Msd ha già annunciato di aver sottoscritto accordi di licenza volontaria non esclusiva con produttori consolidati di farmaci generici per accelerare la disponibilità del nuovo antivirale in più di 100 Paesi a basso o medio reddito sempre sulla base di un’esistente approvazione o autorizzazione all’uso in emergenza rilasciata dalle locali agenzie regolatorie.