Agosto 12, 2022

necessari lavori alle gradinate e a una cisterna – Corriere dell’Umbria

Giorgio Palenga

12 novembre 2021

Finora si è utilizzato l’impianto, e quindi giocato, in deroga, con la Lega Nazionale Dilettanti che ha dato tempo fino a marzo 2022 per mettersi in regola. Per lo stadio di Campitello, a Terni, intitolato al compianto Mario Cicioni, fondatore e per tanti anni presidente della polisportiva, il tempo sta per scadere se, entro quella data, non verranno svolti i lavori che la stessa Lnd ha indicato come necessari per essere in regola con le normative vigenti.

Si tratta della sistemazione delle gradinate e dell’impianto di irrigazione del campo, per il quale c’è una cisterna da rifare. Ebbene, per la tribuna c’è già pronto un progetto da parte della polisportiva Campitello, pronta ad accollarsi l’onere economico dell’intervento che riguarda, tra l’altro, il distanziamento dei seggiolini e la copertura, rientrando sotto la voce di manutenzione ordinaria.

 

Discorso diverso, invece, per la cisterna, per la quale è invece Palazzo Spada a doversi incaricare dei lavori, per un esborso finanziario che comunque era già stato previsto addirittura dalla precedente giunta Di Girolamo, e che aspetta solo, quindi, si essere inserito in sede di bilancio.

A portare la problematica all’attenzione dell’opinione pubblica e del consiglio comunale è il capogruppo del Pd, Francesco Filipponi, che al riguardo ha appena presentato un’interrogazione. Filipponi ricorda innanzitutto che la polisportiva è un punto di riferimento per la città, non solo del quartiere, potendo contare qualcosa come oltre 300 tesserati.

 

Quanto alla problematica della gradinate, “sussiste un problema di messa a norma – spiega – attualmente infatti la struttura non risulterebbe agibile. Una soluzione prospettata dalla polisportiva è già al vaglio, ma senza riscontro da parte degli assessorati, oltretutto totalmente a carico della polisportiva stessa, quindi senza alcun onere per il Comune”. Il capogruppo dem spiega che invece “lo stesso Comune di Terni ha l’obbligo di eseguire i lavori per la cisterna, ma ancora ad oggi non si è intervenuti. Questo è un problema molto grave, perché nel caso non si terminasse il lavoro della parte di irrigazione del campo, la Lnd non darà l’agibilità in scadenza il 3 marzo 2022 e l’impianto verrà chiuso”.

Filipponi fa presente anche un’altra problematica, quella legata alla Taric, calcolata per il “Mario Cicioni” su tutta la struttura, quindi anche la parte scoperta, così che è uscita fuori una cifra annua da pagare al di fuori della portata di una società dilettantistica.

“I fondi per la cisterna sono già accantonati – chiarisce Filipponi al Corriere – circa 20 mila euro che basterebbe solo iscrivere a bilancio. Quanto alle gradinate, invece, è sufficiente il parere prima dell’ufficio sport, poi del dirigente del settore manutenzione-lavori pubblici, con zero oneri per l’ente. Nulla di complicato. Facciano in fretta, se no si rischia davvero la chiusura”.

 

Leggi anche