Settembre 27, 2022

Covid, aumentano i contagi: i consigli per una Pasqua in sicurezza

La Fondazione Gimbe ha diffuso 10 consigli per passare una Pasqua in sicurezza: dal vaccino alla mascherina, alla maniera di trascorrere le feste in tranquillità?

Aumentano i casi di coronavirus proprio a un anno di distanza dall’ondata che aveva costretto a nuove chiusure. Alla vigilia delle riaperture e delle nuove norme anti-Covid, la curva epidemiologica appare in rialzo. Gli esperti raccomandano prudenza, sebbene la voglia di tornare alla normalità dopo due anni di pandemia si faccia sentire con forza.

Il professor Ascierto ribadisce che i numeri non permettono di abbassare la guardia. Pregliasco, invece, crede che i contagi continueranno ad aumentare fino alla fine del mese di maggio e Pasqua sarà il banco di prova. Proprio in vista delle festività di Pasqua, la Fondazione Gimbe ha diffuso alcuni consigli utili.

Covid, i consigli per la Pasqua in sicurezza

alla maniera di trascorrere Pasqua in sicurezza? La Fondazione Gimbe ha condiviso 10 consigli utili per trascorrere serenamente le festività.

In particolare:

Completare il ciclo vaccinale con tre dosi (quattro per le persone immunocompromesse);
Continuare a portare la mascherina nei luoghi pubblici al tappato, ma anche all’esterno se si formano condizioni di assembramento e quando si entra in contatto con persone fragili;
Eseguire un tampone qualora si manifestassero sintomi compatibili al Covid-19;
Fondamentale naturalmente rispettare l’isolamento in caso di positività o in presenza di sintomatologia compatibile con il virus, nell’attesa di eseguire il tampone (o dell’esito);

Anche al sistema vengono dati consigli per garantire massima sicurezza.

Si tratta di:

Mettere in campo interventi di comunicazione efficaci per convincere a vaccinarsi i cittadini che ancora non hanno ricevuto neppure una quantità determinata di vaccino, ma anche i genitori che non hanno ancora vaccinato i loro bambini;
Tenere l’obbligo di mascherine al tappato e nei luoghi affollati fino a quando l’andamento epidemiologico non si sarà sensibilmente ridotto;
Aumentare e intensificare gli interventi di formazione per i medici di medicina generale, affinché prescrivano tempestivamente i farmaci antivirali disponibili ai soggetti maggiormente esposti a forme gravi della malattia;
Implementare interventi strutturali per migliorare l’aerazione all’interno di spazi chiusi, dagli uffici alle aule scolastiche;
Potenziare il sistema di sequenziamento delle varianti;
Organizzare con anticipo la campagna vaccinale autunnale, monitorando l’efficacia del vaccino sulla malattia severa ai fini di un’eventuale somministrazione della quarta quantità determinata per i soggetti a maggiore rischio.

Fondazione Gimbe, i dati sull’aumento dei contagi

Nella settimana dal 23 al 29 marzo la Fondazione Gimbe ha attestato un aumento dei posti letto in area medica occupati da pazienti positivi al Covid. I ricoveri con sintomi sono stati 9.740 rispetto ai 8.969 della settimana precedente, pari al +8,6%. Quelli in trattamento intensiva, invece, sono stati 487 in sette giorni, rispetto ai 455 della settimana prima, equivalente al +7%.

Inoltre, dopo sei settimane di calo, si attesta un nuovo aumento dei decessi. Sono 953 negli ultimi sette giorni.

Leggi anche