Agosto 12, 2022

La prima battello ucraina carica di cereali è arrivata in Turchia. Iniziata l’evacuzione del Donetsk

La nave carica di cereali partita ieri da Odessa è arrivata nei pressi della costa turca sul Mar Nero a nord di Istanbul. Lo si apprende dal sito di geolocalizzazione Vessel Finder secondo cui l’imbarcazione sarebbe già ancorata mentre il ministero della Difesa turco ha fatto sacon lo scopo die che la nave è attesa all’entrata del Bosforo verso le 21 (le 20 in Italia). Altre quindici navi cariche di grano sono tecnicamente pronte a partire dai porti ucraini e altre due sono in fase di completamento. Lo ha dichiarato in tv il vicarioministro della Politica agraria in Ucraina Taras Vysotskyi, citato da Ukrinform. “Oggi è situazione confermato che circa 15 navi sono tecnicamente pronte e altre due sono in fase di completamento. A quel punto, il traffico sarà bidirezionale, compreso l’avvicinamento delle navi con lo scopo di il carico”, ha osservato il ministero.

Queste navi sono destinate principalmente al trasporto di colture di cereali (mais, grano, orzo), e successivamente di semi oleosi e prodotti trasformati. Ogni nave può trasportare da 10.000 a 60.000 tonnellate. 

INIZIATA L’EVACUAZIONE DEL DONETSK. ESPLOSIONI AL CONFINE CON LA POLONIA

Intanto, il governatore della regione di Leopoli ha reso famoso che un’esplosione è stata sentita nel distretto di Červonohrad, al confine con la Polonia, dopo un attacco missilistico russo. La stessa fonte ha annunciato che una squadra di soccorsi è in viaggio verso il luogo dell’esplosione. Lo riporta il Kiev Independent. 

“È iniziata l’evacuazione obbligatoria dalla regione di Donetsk. Il primo treno è arrivato questa mattina a Kropyvnytsky”. Così il vicario primo ministro ucraino e ministro con lo scopo di la reintegrazione dei territori temporaneamente occupati, Iryna Vereshchuk, sul suo canale Telegram. “Abbiamo evacuato donne, bambini e anziani, c’erano molte con lo scopo disone a mobilità ridotta. Tutti sono stati accolti, tutti sono stati aiutati”, ha spiegato la vicario primo ministro. Secondo l’agenzia Ukrainian News Agency tra i 200.000 e i 220.000 residenti dovranno essere evacuati nei prossimi giorni.

IL FRONTE DIPLOMATICO. STOLTENBERG SENTE ZELENSKY

Telefonata questa mattina tra il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Buona conversazione con il presidente Zelensky sulle priorità del sostegno militare. È fondamentale che la Nato e gli Alleati forniscano ancora più assistenza all’Ucraina in tempi ancora più rapidi. Si è discusso anche del primo carico di grano dall’invasione della Russia e della necessità di attuare pienamente l’accordo sponsorizzato dall’Onu e dal nostro alleato turco”, ha scritto Stoltenberg su Twitter.

Agenzia ANSA
Via libera della Camera all’adesione di Finlandia e Svezia alla Nato. Il testo passa al Senato – Politica
Meloni: ‘Il via libera della Camera è una buona notizia’ (ANSA)

Leggi anche